Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Sparatrap

Surroghe volanti non identificate

28 Gennaio 2015, 15:29pm

Pubblicato da Massimo Riera

Surroghe volanti non identificate

Ennesimo teatrino ieri al Consiglio Comunale a Lentini dove dopo dimissioni del consigliere PD Censabella tutto è bloccato perché il primo dei non eletti sembra essere irreperibile (ma come la madonna è apparso a molti tra consiglieri e non) ed affetto da surroghite acuta*. Il tutto per cercare di rimandare o far saltare la mozione di sfiducia verso l'amministrazione Mangiameli? Dai superstiti della maggioranza giurano di no, però sono anch'essi misteriosamente spariti ( tranne un paio di impavidi) assieme a Sindaco e giunta non appena s'è decisa una pausa per capire cosa fare. Si saranno uniti all'estenuante caccia all'uomo? Mistero.

* SURROGHITE: malattia ideopatica le cui cause sembrano essere legate a comunicazioni ufficiali da parte di istituzioni ed enti comunali. Pare che a contatto dell’epidermide la comunicazione del messo comunale il soggetto vittima di questa malattia (generalmente un primo dei non eletti di una lista elettorale) sviluppi un’incontrollabile fobia per le istituzioni specialmente se correlate agli enti locali. Sono frequenti casi di claustrofobia da aula consiliare, agorafobie intense specie se in presenza di rappresentanti di qualsiasi partito o lista civica con particolare repulsione per quella del PD. Questo porta spesso i pazienti interessati a preferire luoghi selvaggi ed inospitali ed uno smodato ed inspiegabile interesse per i rapaci in particolare per le aquile.

In casi recenti si è notata una forte correlazione dell’insistenza di questa grave malattia con precise ricorrenze quali ad esempio i consigli comunali di alcune cittadine siciliane, in particolar modo nelle cittadine siracusane il cui territorio è a contatto con grandi masse d’acqua dolce quali ghiacciai o laghi.

Questa terribile ed invalidante malattia ha un impatto devastante nella salute degli individui che ne sono colpiti, tuttavia la cura è tanto semplice quanto immediata la remissione di ogni sintomo: infatti una semplice espressione di volontà pubblica in merito all’accettazione o diniego a ricoprire la carica oggetto del messaggio causa dell’infezione, riesce in pochi secondi a far regredire completamente ogni sintomo e fobia, tanto da sorprendere talvolta anche gli studiosi più esperti. Spesso però fattori ambientali esterni impediscono di avviare questa via di guarigione in quanto interessi di parte impongono agli adepti di oscure ideologie di sacrificarsi per assecondare i piani non sempre limpidi dei grandi pianificatori delle vite altrui.

Storicamente si è accertato l’uso strategico di questa malattia da parte di antiche tribù del grande Piddu, i piddiri, per ostacolare e addirittura bloccare i rigidi meccanismi organizzativi tribali; bastano infatti poche unità affette da questa malattia per procrastinare ogni decisione comunitaria della tribù.

Unica terapia preventiva e AL CONTEMPO di supporto di una certa efficacia sembra essere l’informazione e la divulgazione dei dati relativi a questa infezione da qui questo breve foglio informativo destinato alle popolazioni che insistono sui territori prospicienti il lago Biviere a cui si consiglia la duplicazione e diffusione.

Commenta il post